G

leone
EAPRESS – Molta attenzione per i rinoceronti, ma in pochi avvertono il pericolo della probabile futura estinzione dei leoni africani. Secondo il gruppo conservazionista Walking for Lions, la popolazione dei leoni del continente si è ormai ridotta del 75% negli ultimi due decenni.

Tra le principali cause ci sono i trofei di caccia, il bracconaggio ed il conflitto uomo-leone. Quest’ultimo aspetto presenterebbe il conto più salato per il grande felino. Di fatto gli insediamenti umani (in alcuni casi si parla di vera e propria invasione) hanno occupato gli areali storici del leone. Milioni di animali da reddito, specie bovini, che vengono protetti dagli attacchi dei leoni, spargendo veleno.

Il gruppo protezionista Walkinf for Lions, ha ora in programma una  marcia  di ben cinquecento chilometri, dalla capitale della Namibia Windhoek a Ghanzi nel Botswana.

A partire dal primo maggio due mesi di marcia. L’iniziativa servirà altresì a raccogliere dei fondi che verranno devoluti in favore di progetti utili a mitigare lo “scontro” uomo-leone.

Secondo gli ambientalisti, sono solo sette i paesi africani che presentano oltre 1000 leoni. Alcuni di questi, come Kenya e Sudafrica, con situazioni particolarmente gravi.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati