cinghiale trappola
GEAPRESS – Contenimento dei cinghiali ma senza caccia. Anzi, per l’Ente provinciale non solo sarebbe una follia, ma dove è stata aperta “in forma mascherata” la situazione è pure peggiorata.

A Lecco le iniziative messe in atto per il contenimento del cinghiale in Valsassina, Valvarrone e a Colico sono, ad avviso della Provincia, le migliori possibili considerando il tipo di territorio, le attuali densità degli ungulati e i danni provocati, che pure sono aumentati negli ultimi due anni da 15 a 30 mila euro/anno. “Bisogna cercare di aumentare gabbie e chiusini – ha affermato un nota della provincia – ed investire nella protezione delle coltivazioni agricole e dei terreni a maggior valenza paesaggistica attraverso recinzioni elettrificate”.

Questo in sintesi il responso della Commissione tecnica istituita dall’Assessorato all’Ambiente della Provincia di Lecco, riunitasi ieri, lunedì 24 marzo, e alla quale hanno partecipato, oltre a due noti esperti del settore (Luca Pedrotti e Andrea Marsan), anche i Presidenti dei due comprensori di caccia interessati, i rappresentanti delle associazioni agricole e ambientaliste, Polizia provinciale e tecnici del settore faunistico della Provincia di Lecco. In mattinata gli esperti si sono recati a visionare i luoghi dove si sono riscontrati i maggiori danni e dove sono state posizionate le gabbie.

“La convinzione che l’apertura della caccia al cinghiale sarebbe un grave errore è diventata certezza dopo l’incontro con due tra i più noti esperti nazionali di contenimento della fauna selvatica – commenta l’Assessore all’Ambiente, Caccia e Pesca Carlo Signorelli – Ipotesi di apertura della caccia sono escluse nella parte nord della Provincia; proseguiremo con la linea intrapresa che nelle ultime settimane ha dato qualche risultato con la cattura di 12 ungulati. Cercheremo anche di reperire fondi per investimenti in gabbie e recinzioni”.

Dove è stata aperta la caccia, anche con forme mascherate, come in alcune province lombarde e liguri – hanno sottolineato gli esperti – la situazione è peggiorata e i danni alle coltivazioni sono aumentati. Se l’obiettivo amministrativo è tutelare agricoltura e turismo non c’è altra soluzione rispetto al controllo selettivo e alle recinzioni che privano questi ungulati di facili pasti, favorendone la cattura e diminuendone la fecondità”.

Su queste conclusioni, cui seguirà una relazione circostanziata degli esperti, hanno convenuto anche gli altri partecipanti alla riunione.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati