GEAPRESS – Opere permanenti di sbancamento, delle dimensioni di oltre 20 metri di lunghezza e 3 di profondità che, secondo quanto comunicato dal Corpo Forestale dello Stato, Comando di Tricase (LE), potrebbero essere state realizzate in assenza di titoli abitativi. Il tutto in area sottoposta a vincoli paesaggistici, idrogeologici e geomorfologici.

I Forestali sono così arrivati all’ipotesi di reato, contestata al proprietario del terreno, dopo circa 15 giorni di indagini. Nei luoghi è così avvenuto il sequestro non solo della zona boscata nel Comune di Supersano in località “Maseria Palazzo”, ma anche dell’escavatore cingolato presente nel cantiere.

Le norme che si suppone possano essere state violate riguardano il Decreto del Presidente della Repubblica n.380/01, il Decreto Legislativo 42/04 e gli articoli 635 e 734 del Codice Penale.

Un ulteriore sequestro è inoltre avvenuto il 26 febbraio scorso in località “Stesi” sempre nel comune di Supersano. In questo caso, sempre secondo il Comando di Tricase, si trattava di un manufatto rustico che sarebbe risultato totalmente abusivo. Un piano terra, piano rialzato ed un primo piano per un totale di superficie occupata pari a 140 metri quadrati. L’ipotesi di reato, contestata al proprietario della costruzione, è esercizio di attività edilizia conseguente alla realizzazione di opere permanenti realizzate in difformità rispetto alla concessione edilizia ottenuta. Opere che sarebbero in parte in assenza di titoli abilitativi e ricadenti su di un’area sottoposta a vincolo idrogeologico e faunistico. In pratica, secondo la Forestale, sarebbero state eseguite alcune opere senza essere previste in progetto e quindi non autorizzate (difformi da quanto autorizzato), in violazione del Decreto del Presidente della Repubblica 380/01.

Sempre durante uno dei servizi mirati al controllo e alla salvaguardia del territorio, lo scorso 28 febbraio, nel corso di una nuova operazione di controllo del territorio, i Forestali di Tricase hanno rinvenuto e sequestrato alcune taniche contenenti rifiuti liquidi presumibilmente tossici (solventi, vernici ecc.) su di un terreno sito nel comune di Tricase in località “ Tarlogni”, ai margini di una strada comunale.

La Forestale ricorda come per ogni segnalazione riguardante illeciti ambientali, è possibile contattare il numero delle emergenze 1515.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati