pescato
GEAPRESS – Dal 22 al 27 luglio 2013 si è svolta nella Regione Lazio, sotto il coordinamento del 3° Centro di Controllo Area Pesca della Direzione Marittima regionale, l’operazione complessa “Estate 2013” in materia di pesca.

Durante oltre 300 controlli, effettuati ad esercizi commerciali, sono state verificate le modalità di commercializzazione e somministrazione dei vari prodotti, nonché la corretta etichettatura, la tracciabilità e la corretta conservazione dal punto di vista igienico-sanitario con particolare riferimento alle scadenze dei prodotti ed alle modalità di stoccaggio.

Con tale operazione sono stati ulteriormente intensificate le attività di controllo lungo tutta la filiera di commercializzazione. Lo specifico riferimento era relativo alla prevenzione ed alla eventuale repressione di illeciti perpetrati da esercizi commerciali stagionali (chioschi, ristoranti stabilimenti balneari, motobarche che offrono gite turistiche con annesso pranzo a base di pesce, ecc.) e che pertanto, non essendo aperti durante tutto l’arco dell’anno, non sono soggetti a verifiche sistematiche.

I militari della Guardia Costiera del Lazio ( 200 uomini impegnati nell’arco della settimana ) hanno così avuto modo di accertare 17 infrazioni per mancanza di tracciabilità e corretta etichettatura, nonché per prodotti scaduti ed elevando a carico dei titolari degli esercizi commerciali non in regola, un totale di 40.000 euro circa di sanzioni amministrative. Sono stati inoltre sequestrate circa 2,5 tonnellate di pesce di diverse specie tra cui oltre 4 quintali di tonno rosso di illecita provenienza dall’area sud del Lazio.

I controlli della Guardia Costiera proseguiranno serrati durante tutta la stagione estiva sia in mare che a terra.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati