incendio
GEAPRESS – Durante il temporale odierno che si è abbattuto nella zona di Bagno, nel comune di L’Aquila, un fulmine ha colpito una pianta di abete del complesso boscato della pineta di Pesco Croce situata sulle propaggini di Monte Ocre -La Quartora-  rischiando di distruggere uno dei più bei complessi forestali della piana di Aquila.

La pineta, bellissima, certamente più pregiata di Roio e S.Giuliano per gli aspetti di biodiversità e per la situazione ecologica in cui vegeta, è stata salvata per il pronto intervento della Squadra del CFS del NOS di L’Aquila che, giunta sul posto, ha immediatamente spento le fiamme che già si erano propagate al terreno ed alle piante circostanti. Questa Pineta che sta lentamente trasformandosi in un bel bosco misto di conifere e latifoglie è una delle ultime rimaste degli interventi di rimboschimento diretti dal Dott. Pietro Molinari all’inizio del ‘900 che fecero conferire all’allora Ispettorato Ripartimentale delle Foreste di l’Aquila la medaglia d’oro nell’Esposizione Internazionale di Milano del 1904 per l’innovazione apportata alle tecniche di rimboschimento. Il lavoro di spegnimento e bonifica svolto con evidente professionalità dal personale del CFS dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, che il tenere reparti prontamente addestrati per difendere il patrimonio  arboreo dalle avversità in situazioni critiche come quelle estive è essenziale per la conservazione ed il rilancio di un territorio già troppo provato dagli eventi della natura.

Il bosco interessato fu infatti piantato oltre cento anni fa con gli interventi di rimboschimento curati dallo stesso Corpo Forestale, interventi che interessarono l’intera conca aquilana come conseguenza del grave stato di disseto idrogeologico in cui versava il comprensorio.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati