piccione morto
GEAPRESS – Si è “risvegliato” l’avvelenatore di Laigueglia (SV). A diffondere la notizia è l’ENPA di Savona che rileva come l’avvelenatore, dopo aver ucciso decine di colombi a luglio, agosto e settembre del 2011 e febbraio, marzo ed aprile del 2012 e maggio 2014, nei giorni scorsi ha colpito come al solito nel centro storico.

Numerosi volatili, infatti, sono improvvisamente caduti a terra agonizzanti tra passanti e turisti; alcuni esemplari ancora vivi sono stati soccorsi dai Volontari della Protezione Animali e sottoposti a cure veterinarie. Alcuni di questi volatili si è riusciti a salvare.

Secondo la casistica in possesso dell’ENPA qualcuno sparge un forte anestetico di vecchia generazione e non più in uso, mischiato a cibo, che tramortisce gli animali ed uccide i soggetti più debilitati. Per salvarli, il costo dei medicinali e le cure necessarie mettono a dura prova l’opera dei pochi volontari dell’associazione, già alle prese con il recupero, di centinaia di animali selvatici in difficoltà.

L’ENPA è preoccupata perché non si riesca a smascherare il criminale e richiama nuovamente l’attenzione degli organi di polizia territorialmente competenti; le Guardie Zoofile dell’associazione stanno svolgendo gli accertamenti: chi possa dare informazioni utili è pregato di telefonare allo 019/824735 o inviare una mail a savona@enpa.org., o rivolgersi direttamente a Carabinieri, Polizia Municipale, Guardia Forestale e di Finanza, espressamente incaricati di perseguire i maltrattamento di animali; il reato è punito dal Codice Penale e prevede la reclusione da 3 a 18 mesi.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati