muscardini
GEAPRESS – Intervento dell’Europarlamentare Cristiana Muscardini sul tema della riforma delle legge 349/91 sui parchi naturali. La proposta, attualmente all’esame della Commissione Ambiente del Senato italiano, permetterebbe, ad avviso della stessa parlamentare, l’ingresso dei cacciatori nei Parchi. Questo senza   peraltro eliminare i problemi di sovrannumero di alcune specie, come nel caso dei cinghiali.

Nell’intervento dell’On.le Muscardini, indirizzato alla Commissione Europea, viene altresì sottolienato il rischio di favorire l’eliminazione di altre specie, come ad esempio il lupo.

Sulle opere da realizzare nelle aree protette, vi sono poi i rischi del silenzio assenso per il rilascio dei nulla osta. In tale maniera, sottolinea la Parlamentare, si potrebbe favorire la cementificazione anche alla luce dei “tempi biblici” delle autorità italiane. Criticità anche in tema di royalty che sarebbero state poste alla base del finanziamento dei Parchi. Per l’On.le Muscardini si darebbe così a molti la possibilità di utilizzare le aree protette per attività che potrebbero non essere compatibili.

Infine la creazione dei “parchi geologici”, categoria non riconosciuta a livello internazionale ma che non pone limiti alla caccia.

Nell’intervento parlamentare l’On.le Muscardini chiede pertanto di verificare se la normativa proposta al Senato non contrasti con le legislazioni eurpee anche in tema di benessere animale. Da rilevare, inoltre, il quesito sulla procedura di infrazione che potrebbe nel caso gravare sull’Italia qualora il “controllo” sulla fauna selvatica venisse approvato. Quali riscontri, poi, in sede europea ai “parchi geologici”?

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati