La Puma, la nota marca tedesca specializzata nella produzione di capi di abbigliamento, rinuncerà all’uso di pelle e lana di pecora australiana ricavata con il crudele metodo del “mulesing”, ovvero lo scuoiamento dell’area perianale ed il taglio della coda del povero animale.

Ad annunciarlo è PETA (People For The Ethical Treatment of Animals) la quale riferisce altresì che Puma non utilizzerà più pelli di animali esotici come serpenti e alligatori. Tecniche di macellazione tremende, come i serpenti chiodati ad un muro per lo scuoiamento a vivo. Gli alligatori, poi, ammassati in allevamenti intensivi dopo che le loro uova vengono prelevate in natura. Finiranno a colpi di ascia o martello. Puma è proprietaria del marchi Cobra Golf e Tretorn.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati