GEAPRESS – Per lo squalo di Kiev si è forse aperta una strada fortunata. Si tratta in realtà dello squalo toro rinchiuso nell’acquario di un centro commerciale del centro di Kiev, che aveva scatenato vivaci proteste tra gli animalisti ucraini. Poi quella ferita sul muso. Procuratasi battendo sul vetro dell’acquario, dicevano gli animalisti. Ferito, invece, durante il trasporto, secondo i responsabili dell’acquario.

Di certo, di lui, come di molti altri detenuti degli acquari è difficile risalire ad informazioni  rese note al pubblico.

Ora la buona notizia. L’annuncia da Kiev il nostro connazionale Andrea Cisternino che tanto si è battuto contro la strage dei randagi ucraini.

Lo squalo, stante le prime notizie pervenute, torna indietro. “Abbiamo vinto” esulta Andrea Cisternino. Forse lo squalo tornerà in Olanda da dove sembra essere arrivato.

In effetti anche in merito alle aree di arrivo di tali animali, non molto viene diffuso. Anzi, dopo le polemiche, il Ministro ucraino dell’Ecologia aveva annunciato il controllo della importazione regolare di tale animale. A quanto sembra, lo squalo potrebbe essere stato pescato in mare in giovane età per poi essere allevato in un acquario. Ci sono anche in Italia, appartenenti pure alla fauna mediterranea.

Gli squali toro sono animali ambiti dai grossi acquari. La maschera facciale di questo squalo, in realtà quasi del tutto innocuo per l’uomo, si presenta sempre “cattiva”, almeno secondo gli stereotipi umani. La disgraziata coincidenza di possedere dei denti  ben visibili, amplifica le caratteristiche di “pericolosità”, forse utili per una esposizione, ma non coincidenti con le caratteristiche comportamentali generali del grande animale.

Almeno in questo caso, la controversia di Kiev sullo squalo ,sembra essere risolta. A Shangai, pure. Il mese scorso. Solo che il quel caso l’acquario cinese scoppiò mandando in ospedale non poche persone ed all’altro mondo pesci e tartarughe. Anche in questo caso si trattava di un centro commerciale. I responsabili, però, hanno dichiarato di non essere intenzionati a costruire un’altro.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI VIDEO: