scaglie pangolino
GEAPRESS – Due sacchi contenenti scaglie di pangolino, sono stati rinvenuti dalla polizia di Lampung, in Indonesia. Il sequestro, avvenuto lo scorso 21 settembre lungo la strada che da Medan porta a Jakarta, è pari a circa 300 chilogrammi di scaglie.

A quanto sembra il nervosimo del passeggero di un autobus di linea ha insospettito i poliziotti intervenuti nel corso di un normale controllo.  Dall’apertura del bagaglio si è così scoperto il particolare carico. Gli accertamenti sono ora rivolti all’individuazione sia del luogo di provenienza che del destinatario.

Meno di tre ore dopo la scoperta delle scaglie, gli agenti di polizia di South Seaport, hanno altresì intercettato un carico di scimmie vive. Su quest’ultimo intervento non sono state diffuse ulteriori notizie, mentre, in merito a quello delle scaglie, si sospetta che il carico fosse destinato alla medicina tradizionale, forse di un paese estero.

I trafficanti, non solo prelevano da bracconieri locali (come probabilmente è avvenuto in questo caso) ma sempre più spesso indirizzano i loro traffici verso i paesi africani dove vivino altre specie di pangolino.

Secondo l’Ufficio Traffic del WWF le scaglie ora sequestrate dovevano corrispondere a circa 500-700 pangolini uccisi.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati