Leopardo
GEAPRESS – Oltre 1.000 artigli di leopardo sono stati sequestrati nello stato indiano del Kerala. Secondo alcune fonti afferenti al Dipartimento delle Foreste, gli artigli non sarebbero di provenienza indiana, ma probabilmente africana. Come paese esportatore sarebbe stata avanzata l’ipotesi del  Sudan.

La notizia, sebbene confermata, lascia però trasparire alcuni dubbi sull’autenticità degli artigli. Il Dipartimento delle Foreste del Kerala, non  ha ancora confermato l’autenticità.

L’intervento di polizia è avvenuto nella città di Ernakulam ed avrebbe altresì comportato l’arresto di tre persone. Considerata l’entità del sequestro  si è  ipotizzato il coinvolgimento di veri e propri operatori nel settore della caccia grossa africana.

Sugli artigli verrà comunque svolta l’analisi di laboratorio per appurare l’autenticità e nel caso, l’esatta provenienza. Tra le popolazioni di leopardo africano e quello indiano esistono infatti delle differenza tracciabili dall’analisi genetica.  In India, tra i venditori specializzati sono stati in alcuni casi trovati finti artigli confezionati con le corna di bovino.

Già nel recente passato un sequestro di artigli di leopardo di provenienza sudanese era avvenuto nel vicino stato del Tamil Nadu, confinante con il Kerala. La città di Chennai, ove è avvenuto questo primo sequestro, si trova però ben lontana da Ernakulam.

Nel caso venisse provato che gli artigli siano stati effettivamente confezionati con unghia di leopardo, si tratterebbe di almeno 50 animali uccisi.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati