GEAPRESS – Una pelle di leopardo ed una di cervo sono state sequestrate dal Dipartimento delle Foreste nel distretto di Mayurbhanj, nello Stato indiano dell’Orissa nel nord est dell’India. I due bracconieri sono un ventottenne ed un ventiquattrenne di Baniabasa, un villagio non molto distante dai luoghi.

Secondo le prime ricorstruzioni della polizia, i due avrebbero acquistato entrambe le pelli da un bracconiere. Il cacciatore di frodo avrebbe ucciso i due animali un paio di mesi addietro.

I sequestri di pelle di leopardo sono ormai eventi sempre più frequenti specie nelle regioni a nord dell’India. Facile immaginare che vengano poi immesse nel mercato della concia. Del leopardo, oltre che la pelle, si ultizzano però anche le ossa. Alla pari di quelle di tigri, vengono richieste dalla medicina tradizionale cinese. Alcuni di questi sequestri sono infatti avvenuti nel vicino Nepal. Parti di leopardo, ma anche ossa di tigre, scaglie di pangolino e corna di rinoceronte. Quasi sicuramente dovevano poi essere contrabbandati nella vicina Cina.

L’ultima notizia del ritrovamento di un rinoceronte ucciso è stata riportata ieri. Riguarda il Parco Nazionale del Kaziranga, nello Stato indiano dell’Assam. I cinque bracconieri sono riusciti a fuggire nelle foresta dopo uno scontro a fuoco avuto con le Guardie del parco. Si tratta del sesto rinoceronte ucciso nello Stato dell’Assam dall’inizio dell’anno.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati