fucili forestale
GEAPRESS – “Ci sono tutti gli elementi per chiarire il fatto che l’Italia ha bisogno di un Corpo dedicato alla tutela ambientale e agroalimentare“. Lo ha detto il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, in audizione alla Commissione agricoltura della Camera, a proposito del futuro del Corpo forestale dello Stato.

Questo alla luce del progetto di riforma della Pubblica Amministrazione che vorrebbe assorbito il Corpo in altra polizia.

Il Ministro ha voluto precisare la sua apertura ad una discussione che riorganizzi, potenzi, specifichi e qualifichi la funzione cruciale del Corpo forestale dello Stato.

Se c’è da gestire un confronto – ha aggiunto il Ministro Martina – benissimo si fa ed è quello che stiamo facendo sul tema di riorganizzazione funzionale e di risparmio economico che si può affrontare, ad esempio, iniziando a riconfigurare una nuova organizzazione che semplifichi le polizie provinciali, l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari e alcuni Corpi regionali; personalmente combatterò per dimostrare la validità e la centralità del CFS, per questo chiedo la collaborazione del Parlamento per dimostrarlo.”  

Il Ministro ha, infine, ricordato che “avere riorganizzato il lavoro nella Terra dei Fuochi assegnando al Corpo forestale dello Stato una funzione di coordinamento è un cambio di passo notevole“.

Lo scorso 5 agosto, invece, era stato ascoltato dalle Commissioni riunite Agricoltura e Ambiente del Senato il Capo del Corpo forestale dello Stato,  Cesare Patrone. La questione era sempre quella afferente  al futuro del Corpo.

L’audizione, oltre al coinvolgimento delle due Commissioni congiunte, ha visto la partecipazione di tutti i gruppi parlamentari e del Vice Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Andrea Olivero.

Massimo sostegno è stato espresso al Corpo forestale affinchè le ipotesi di accorpamento nelle polizie generaliste non si verifichino, e non si disperdano le specificità del Corpo e il tesoro di conoscenza, esperienza, professionalità con cui svolge un ruolo fondamentale nella tutela del patrimonio ambientale, agricolo e alimentare del nostro Paese.

Ampia condivisione ha riscontrato la prospettiva che il Corpo forestale dello Stato possa continuare, invece, a rappresentare il principale polo di riferimento in tema di tutela del territorio, sicurezza ambientale ed agroalimentare, accorpando le polizie provinciali, i corpi forestali regionali e altre strutture che operano nello stesso settore al fine di assicurare maggiore efficienza ed economicità.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati