gattino nero
GEAPRESS – Investito in strada. Un gattino tutto nero di appena poche settimane di vita è stato sicuramente visto ma non schivato. A sostenerlo è la sede LAV di Tarquinia (LT). Il povero micio ha perso una zampa, ed ha riportato fratture multiple. Attualmente è in prognosi riservata.

Un automobilista scellerato ed un altro sensibile, visto che il micetto, chissà per quante ore rimasto sotto il sole cocente, è stato notato da un’altra persona che si trovava a transitare con il suo mezzo lungo la stessa strada. Ricoverato in una clinca veterinaria si attende ora di avere una progonosi più definita e di poterlo poi accudire fino all’adozione.

Secondo la LAV di Tarquinia quando occorso al micetto di stamani, rappresenta solo uno degli infiniti brutti casi di incidente, malattia o maltrattamento che colpiscono oltre l’80% dei cuccioli nati sulla strada o da cucciolate indesiderate. Animali di cosiddetta “compagnia” non sterilizzati e non custoditi.

Una vecchia ma efficace campagna pro sterilizzazione di qualche decennio fa, ricordano gli animalisti, narrava “un punto in tempo ne salva cento”.  La sterilizzazione dei pets è un gesto dovuto verso “i nostri compagni di vita“. Si contribuisce così anche al risparmio della spesa pubblica per il mantenimento dei cani nei canili. La sterilizzazione, poi, garantisce una salute migliore, li preserva da stimoli riproduttivi spesso insoddisfatti che generano stress e frustrazione, evita la nascita di cuccioli a cui non si può garantire un futuro dignitoso e i cui sopravvissuti finiranno per essere dei randagi scacciati da ogni dove o reclusi in canile a vita.

Anche se apparentemente può sembrare un atto forzoso, conclude la LAV di Tarquinia, la sterilizzazione degli animali domestici e delle colonie feline è un atto a favore del loro maggior benessere ed evita che moltissimi cuccioli si trovino nelle stesse condizioni del nostro micio nero.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati