lupo
GEAPRESS – Risposta del Commissario EU all’Ambiente all’interrogazione presentata dall’Eurodeputato PD Andrea Zanoni (vedi articolo GeaPress ) in merito ai numerosi casi di lupi uccisi e finanche mutilati in Maremma.

Secondo il Commissario Janez Potočnik spetta agli stati membri assicurare il rispetto delle norme sulla protezione delle specie tutelate dalla Comunità europea. E’ invece compito della Commissione quello di garantire che gli Stati membri si conformino a tale obbligo. Un fatto che, secondo l’On.le Zanoni, che è anche vice presidente dell’Intergruppo per il Benessere e la Conservazione degli Animali al Parlamento europeo, impone alle autorità italiane un urgente intervento.

Il Commissario ha sottolineato come “i fatti descritti dall’onorevole deputato rappresentano una minaccia per la salute dell’ambiente naturale, in particolare per il conseguimento degli obiettivi della direttiva Habitat (Direttiva 1992/43/CEE) e del primo obiettivo della strategia dell’UE per la biodiversità, che mira a conseguire un miglioramento quantificabile dello stato delle specie dell’UE a rischio di estinzione”.

Zanoni aveva denunciato a Bruxelles le uccisioni di lupi (Canis lupus italicus) che si sono registrate dall’ottobre del 2013 a oggi nella Maremma, come nel caso dei fatti occorsi nei comuni di Manciano, Scansano e Campagnatico (tutti in provincia di Grosseto). “Si tratta – ha dichiarato l’On.le Zanoni – di uccisioni illegali in quanto il lupo è compreso nell’allegato IV della direttiva Habitat 92/43/CEE che elenca le specie animali e vegetali di interesse comunitario che richiedono una protezione rigorosa”.

Adesso spetta alle autorità italiane mettere in atto tutta quella serie di misure indispensabili per prevenire, e all’occasione punire, queste uccisioni sommarie in aperta violazione della normativa europea. Sarà mia premura denunciare a Bruxelles l’eventuale mancanza di provvedimenti secondo quanto indicato dallo stesso Commissario Ue all’Ambiente”, conclude l’eurodeputato.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati