stallone aveto
GEAPRESS – I cavalli selvaggi dell’Aveto sono in questi giorni oggetto di interesse ed osservazione degli istruttori europei di Monty Roberts e dei loro studenti. Provenienti da varie regioni italiane , gli studenti, tra cui alcuni della facoltà di scienze naturali dell’Università di Genova , hanno trascorso cinque giorni nella valle dei cavalli apprezzandone la bellezza e l’ospitalità.

Guidato da Evelina Isola , naturalista e guida ambientale del Progetto I cavalli selvaggi dell’Aveto – Wildhorsewatching , da Cristiane Moeller e da Jenny Ahlroth, istruttrici rispettivamente in Italia e Finlandia di Monty Roberts (l’uomo che ascolta i cavalli) , il gruppo ha vissuto giornate intense , con sveglia all’alba , per seguire le tracce dei cavalli selvaggi prima che si nascondessero nelle faggete per proteggersi dal caldo e dagli insetti.

Giornate ricche di emozioni che sono servite a stilare un primo censimento dei branchi, a comprenderne le dinamiche sociali , le abitudini, la territorialità. Un’opportunità di crescita e condivisione di esperienze per Evelia Isola e Paola Marinari, creatrici e curatrici del Progetto I cavalli selvaggi dell’Aveto – Wildhorsewatching , che si occupano da molti anni della tutela e valorizzazione del branco selvaggio, della promozione del territorio in cui i cavalli selvaggi vivono , proponendo escursioni di horsewatching , a piedi, guidate dalla naturalista.

Il progetto ha recentemente ottenuto il Patrocinio del Ministero della Salute e a breve inizieranno i tirocini degli studenti di Scienze Naturali, promossi con entusiasmo dai docenti dell’Universtità di Genova .

L’esperienza raccolta dal Progetto I cavalli selvaggi dell’Aveto Wildhorsewatching è stata recentemente presentata da Paola Marinari ad un convegno in Sardegna , terra dei cavallini della Giara e del cavallo Sarcidano, come modello virtuoso di tutela dei cavalli e di promozione del territorio, su cui riprodurre un progetto per il rilancio turistico di alcune zone di grande bellezza e valore naturalistico della Sardegna .

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati