L’allarme lanciato è per la salvaguradia degli equilibri ambientali e faunistici in Basilicata!
A due mesi dall’inizio dello sterminio venatorio i cacciatori materani della Federcaccia denunciano “l’esagerata pressione venatoria nel territorio dell’ Ambito territoriale di caccia (ATC ‘A’)”.
Da quattro settimane i residenti devono condividere il territorio con i non residenti.
La Provincia di Matera ha distribuito 1650 tesserini di accesso venatorio, 1650 licenze di uccidere. Secondo l’associazione di categoria tutti gli altri tesserini non sarebbero validi.
Eppure proprio nel Comitato di gestione dell’ATC ‘A’ di Matera, tra i rappresentanti delle associazioni agricole,  sono molto ben rappresentati quegli agricoltori che offrono proprio il  turismo venatorio.
Pacchetti vacanzieri con licenza di uccidere, non è una novità.