dattero di mare
GEAPRESS – Nuovo intervento della Guardia Costiera della Capitaneria di Porto di Roma a Guidonia (RM). L’operazione è stata volta al contrasto del commercio di specie ittiche protette.

Il bliz scattato intorno all’una di notte in prossimità dell’innesto autostradale Roma-L’Aquila all’altezza di Roma Est, ha portato al sequestro di due chilogrammi di dattero di mare e di dieci chili di bianchetto (novellame di sardina).  Due pattuglie di militari del Comando di Fiumicino hanno infatti intercettato un camion frigo, proveniente dalla Campania, con una sola persona a bordo. L’ispezione del carico ha consentito di rinvenire, celate tra le altre specie ittiche trasportate, quelle fuori norma, sicuramente destinate alla ristorazione romana.

Com’è noto, riferisce la Capitaneria di Porto di Roma, la pesca del dattero di mare è vietata. Altresì vietato è il commercio, il consumo ed anche la semplice detenzione, poiché la raccolta di questo mollusco, mediante estrazione dalla roccia, comporta la distruzione pressoché totale del fondale, con conseguenti incalcolabili danni per l’ecosistema marino. Per tale motivo, come previsto dalla legge, il conducente del veicolo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria di competenza.

Del novellame di sardina, invece, è stata contestata la pesca in zona e periodo vietato ed elevata una sanzione amministrativa per la somma di quattromila euro.

VEDI VIDEO GUARDIA COSTIERA

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati