GEAPRESS – Nei giorni scorsi gli uomini del Comando Stazione Forestale di Gualdo Tadino (PG), nell’ambito di una campagna di controlli su impianti di macellazione finalizzati alla verifica della regolarità delle operazioni di smaltimento e di recupero dei rifiuti prodotti, del rispetto delle normative inerenti la macellazione e il benessere degli animali, hanno posto sotto sequestro l’impianto di scarico delle acque reflue del locale mattatoio comunale.

Secondo il comunicato della Forestale  vi è un sostanziale rispetto delle normative di settore, ma dal controllo sarebbe emersa la mancanza di titoli autorizzativi per lo scarico delle acque reflue industriali in pubblica fognatura. Stante le risultanze investigative le acque in uscita dall’impianto di macellazione e derivanti dal lavaggio delle attrezzature e delle superfici di lavoro con sostanze disinfettanti e sgrassanti, confluirebbero in un pozzetto di raccolta. Da qui l’impianto di filtrazione e al degrassatore e la pubblica fognatura.

Al titolare della ditta privata che gestisce in convenzione il mattatoio è stato contestato il reato di scarico di acque reflue industriali in assenza della prescritta autorizzazione.

L’impianto di macellazione è alla data odierna in attività, mentre permane il sequestro penale, operato dagli agenti del Corpo forestale di Gualdo Tadino, del solo impianto di scarico delle acque reflue.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati