liberazione cardellini
GEAPRESS – Intervento congiunto del Nucleo delle Guardie Zoofile dell’OIPA di Napoli e dei Carabinieri. Ad essere state sequestrate, sono state numerose specie animali. Tra questa alcune appartenenti alla fauna protetta.

I fatti si sono svolti presso un’abitazione di Giugliano in Campania (NA). Al suo interno sono stati trovati 10 cardellini, 5 pappagallini cocorite, 30 canarini, 1 pappagallo inseparabile, 1 incardellato (incrocio tra cardellino e canarino), 3 cardellini major, 3 tartarughe di Horsfield (Testudo horsfieldii), 2 criceti siberiani, 6 tortore, 2 cocorite,  14 canarini con 17 uova in cova e 49 bengalini per un valore complessivo di circa 10.000 euro.

Rinvenute all’interno dell’abitazione anche 4 reti da uccellagione.

L’intervento dell’OIPA conferma ancora una volta quanto diffuso sia il fenomeno dell’uccellagione nel napoletano. Una vera industria che riesce ad espandersi  anche nella regioni circostanti. Uccellatori partenopei sono stati infatti sanzionati nel Lazio, in Basilicata, Calabria, ma anche nella più distante Toscana. I luoghi storici dello smercio dell’avifauna protetta, come la via di Sant’Erasmo a Napoli, spesso soggetti ad  interventi di repressione, si sono via via sostituiti con la vendita gestita da casa o nei retrobottega delle uccellerie.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati