pesce spada III
GEAPRESS – Un sequestro maturato nell’ambito dei quotidiani controlli sulla filiera della pesca eseguiti dai militari della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Gioia Tauro (C).

Un pesce spada di circa 15 chilogrammi rinvenuto stamani privo della necessaria documentazione di accompagnamento e pescato nel periodo del fermo pesca per questa specie. La Capitaneria di Porto ricorda a questo proposito come il divieto di prelievo è valido dal primo ottobre al trenta novembre.

Nei confronti del pescatore, è stato anche elevato un verbale amministrativo di 4.000 euro.

Il Comando della Capitaneria di Porto di Gioia Tauro coglie l’occasione per ricordare che la popolazione di Pesce spada, nel corso degli anni, è stata colpita da forte impoverimento ed è soggetto a particolare protezione.

L’attività di controllo su tutta la filiera della pesca è fondamentale, e viene messa in atto a garanzia dell’ecosistema marino, oltre che a tutela degli operatori che rispettano le norme. Particolare accento viene inoltre posto dalla stessa Capitaneria sulla tutela del consumatore finale; l’acquisto di pesce in strada, conservato in maniera non consona, può causare nocumento alla salute dell’acquirente, essendo facilmente deperibile.

I controlli da parte dei militari della Guardia Costiera di Gioia Tauro proseguiranno a tutela e protezione delle risorse ittiche, su tutta la filiera della pesca.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati