rete pesca
GEAPRESS – I militari del servizio operativo della Capitaneria di porto di Gioia Tauro (RC) guidati dal Sottotenente di Vascello Fabrizio Frascella, su comunicazione e congiuntamente al personale della dipendente Delegazione di spiaggia di Palmi, sono interventi presso il porto di Taureana di Palmi per verificare la presenza di una rete derivante illegale. In tale contesto venivano avvisati i Carabinieri della Compagnia di Palmi che prendevano parte all’operazione al fine di scongiurare eventuali disordini di ordine pubblico.

Giunti all’interno del porto, i militari accertavano la presenza di una rete occultata da un telone in plastica bianca all’interno di un contenitore di forma cubica. I militari procedevano così al sequestro amministrativo della rete. Si trattava di un attrezzo non consentito per la pesca, sequestrato ad ignoti; nessuno, infatti, ne reclamava la proprietà. L’attrezzo risultava altresì privo dell’apposita targhetta identificativa specificante il tipo di attrezzo e la riconducibilità alla licenza di pesca.

Dopo aver assicurato sul mezzo in dotazione alla Guardia Costiera la rete da pesca illegale, di lunghezza pari a circa 2700 metri, i militari rientravano in sede e la ponevano in custodia presso i locali di questa Capitaneria di porto.

La Guardia Costiera sottolinea come le reti del tipo di quella sequestrata sono particolarmente dannose e sono state vietate a livello internazionale già da molti anni. Le relative sanzioni sono altrettanto elevate, infatti, ammontano da un minimo di 2.000 ad un massimo di 12.000 euro, a cui si aggiunge la confisca dell’attrezzo irregolare o illegittimamente utilizzato.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati