La Lega Nazionale per la Difesa Del Cane Sezione di Genova, si oppone all’inutile e violenta battuta di caccia, in programma in questi giorni, nelle zone limitrofe a Forte Tenaglia. Ciò alla luce di considerazioni sullo stato del territorio che andrebbe bonificato e riqualificato in modo da evitare l’assembramento degli ungulati che, invece di essere spinti con opere di risanamento a popolare altre zone, vengono ammazzati, rimandando semplicemente la risoluzione del problema.

È infine di questi giorni – afferma Pier Luigi Castelli, membro dell’Istituto Italiano di Bioetica, Presidente LNDC Genova – la notizia che, avendo i cinghiali fatto altri importanti danni al Cimitero della Castagna, il Comune di Genova ha fatto richiesta alla Provincia di Genova dell’ennesima, quanto inutile e violenta battuta di caccia nel terreno suddetto. La sezione genovese della Lega Nazionale per la Difesa del Cane – continua Pier luigi Castelli – fa presente che per risolvere il problema dell’eccesso di cinghiali, le “mattanze” quali quelle che si ripetono sotto al Forte siano pressoché inutili, violente e pericolose; basterebbe infatti la bonifica del territorio per agire sulla causa del problema e non solo sui sintomi”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati