cucciole accattonaggio
GEAPRESS – La LAV esprime apprezzamento e sostegno alla mozione presentata da Gennaro Dall’Igna (capogruppo di Forza Italia al consiglio comunale di Gallarate) volta all’emanzazione di un’Ordinanza sindacale contro l’utilizzo di animali nella pratica dell’accattonaggio.

Gallarate, riporta la nota della LAV di Varese, è la città dalla quale provengono più segnalazioni in merito a  cani utilizzati come strumento di richiamo per l’accattonaggio.

Purtroppo – commenta Francesco Caci, responsabile della LAV di Varese – molte persone credono ancora che i questuanti vogliano bene ai cani che utilizzano, ma si sbagliano. La figura del clochard che vive sotto le stelle con il proprio amico a quattro zampe non esiste più. Oggi abbiamo a che fare – ha aggiunto il responsabile della LAV – con gruppi organizzati che utilizzano gli animali appositamente per intenerire i passanti e chiedere loro denaro“.

Ad avviso della LAV i cani sarebbero costretti attraverso metodi coercitivi a restare sempre nella stessa posizione e a non allontanarsi dal loro aguzzino.

Molte segnalazioni pervenute alla LAV, riportano inoltre di episodi di cani strattonati o picchiati perchè tentavano di muoversi. In questi casi i cittadini avvisano la Polizia Locale, che però, sempre ad avviso degli animalisti, non disporrebbe di efficaci strumenti normativi per intervenire. Inoltre, non assistendo direttamente al fatto e in assenza di lesioni evidenti, non possono fare altro che raccogliere la denuncia dei cittadini con i tempi e l’efficacia che tutti possono immaginare.

La bozza di Ordinanza allegata alla mozione rappresenta ora uno strumento di grande efficacia.

L’iniziativa del Capogruppo Dall’Igna, vieta di per sé l’utlizzo degli animali per l’accattonaggio e sopratutto prevede la confisca degli stessi e il loro affidamento a strutture dove verranno recuperati e fatti adottare.

Chiediamo pertanto – conclude la nota della LAV – a tutti i consiglieri comunali, a prescindere dalla loro appartenenza politica, di accogliere favorevolmente la mozione. Chiediamo al Sindaco di emanare al più presto l’ordinanza proposta e offriamo tutta la nostra disponibilità a seguire la stesura del provvedimento insieme al nostro ufficio legale“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati