cardellini gabbie
GEAPRESS – I Carabinieri della locale Stazione, dopo alcune segnalazioni relative alla detenzione di animali protetti, sono  intervenuti in collaborazione con le guardie zoofile E.M.P.A. (Ente  Mediterraneo Protezione Animali) nel comune di Frattamaggiore.

L’area interessata era quella di terreno recintato, ove venivano trovate diverse gabbie con all’interno Cardellini ed una rete per la cattura posizionata in maniera tale da non destare alcun sospetto. Si trattava di una trappola funzionante e pronta alla cattura dei volatili. Alcuni di quelli precedentemente catturati, fungevano invece da richiamo.

Tutti gli animali, oltre che la stessa reste, sono stati posti sotto sequestro. I cardellini catturati e ritrovati all’interno delle gabbie venivano prontamente liberati in località idonea proprio per evitare ulteriori traumi e sofferenze legate appunto alla detenzione in cattività. A finire denunciato è un uomo che dovrà rispondere di detenzione di animali protetti. L’intervento di oggi è stato coordinato dal  Comandante di Stazione Maresciallo Capo Montinaro Marcello.

Secondo il Vice Capo Nucleo delle Guardie Zoofile dell’E.M.P.A. RENIS Fabrizio “i cardellini sono una merce preziosa. La loro cattura e compravendita alimentano un vero e proprio racket, nel Napoletano soprattutto. Un commercio illegale , su cui spesso si stende l’ombra della criminalità organizzata , fatto di bracconieri, cacciatori e grossisti pronti a tutto: dal rapire esemplari rari a maltrattarli e ucciderli”.

Gli animali grazie ai Carabinieri e le Guardie Zoofile sono ritornati in libertà come da loro natura.

Le Guardie Zoofile dell’E.M.P.A.  ringraziano l’arma dei Carabinieri per la fattiva e celere collaborazione.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati