occhi cane
GEAPRESS – Intervento del Corpo Forestale dello Stato a Francavilla Marittima (CS) dove è stato denunciato un uomo con l’accusa di avere detenuto sedici cani in condizioni incompatibili.

La Forestale è intervenuta a seguito di una attività volta alla repressione dei reati a danno degli animali. In tale contesto sono stati eseguiti una sere di controlli nei comuni di Cerchiara di Calabria e Corigliano che hanno visto impegnati i referenti provinciali del Nirda  ed i Comandi Stazione di Cerchiara di Calabria e Corigliano Calabro.

Nel comune di Francavilla, la contestazione del reato. Sedici cani rinvenuti all’interno di una superficie agricola che, stante i rilievi investigativi, sarebbero stati detenuti  in ricoveri di fortuna ricavati con fusti in ferro e con ciotole utilizzate come abbeveratoio arrugginite, sporche e infestate da alghe.

Alcuni di questi cani, forse a causa della scarsa nutrizione, sono risultati sottopeso ai controlli effettuati dal personale veterinario del Distretto Sanitario di Trebisacce (cs) intervenuto sul posto su richiesta del Corpo Forestale.

I cani sarebbero stati legati con limitate possibilità di movimento attraverso catene fuori norma ancorate a paletti di ferro posti nel terreno. Nel terreno la Forestale rinveniva formazioni cosiddette a “compasso”, ovvero con marcature del terreno di forma circolare determinate probabilmente dagli animali con il loro  movimento obbligato.

Informato  il Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Castrovillari, si è proceduto al sequestro penale e al trasferimento degli animali presso una struttura idonea per la custodia.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati