furto legna
GEAPRESS – Ventinove piante di ulivo sono state abbattute nel campi della famiglia dell’Assessore all’Ambiente di Fossacesia (CH) Andrea Rosario Natale. Ne da comunicazione il Partito della Rifondazione Comunista che ricorda altresì come l’Assessore sia anche un attivista del WWF e della rete Emergenza Ambiente Abruzzo.

Andrea si è sempre battuto per il Parco Nazionale della Costa Teatina, e nella costruzione di alternative per un modello di sviluppo del suo territorio che una volta per tutte abbandoni la speculazione edilizia e lo sfruttamento incontrollato e dannoso delle risorse. Non abbiamo notizie – riporta il comunicato del Partito – su chi possa essere l’autore di tale vandalico gesto, ma e’ difficile non pensare che tale atto non sia dovuto alle tante e scomode battaglie di Andrea, la cui mitezza rende ancor più odioso questo atto distruttivo. Alla viltà di un gesto criminale contrapporremo il “coraggio delle idee” e la coerenza dei comportamenti“.

In particolare viene ricordato come Andrea Rosario Natale è uno dei migliori attivisti nella lotta contro la deriva petrolifera della costa teatina e dell’intero Abruzzo e nel movimento per i “beni comuni”, dall’acqua al territorio.

L’auspicio è ora che gli inquirenti indaghino approfonditamente su un atto che gli esponenti del Partito della Rifondazione Comunista non esitano a definire mafioso.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati