GEAPRESS – Potrebbe esserci una storia più particolare dietro la morte di 35 tra mucche e vitelli scoperta in una stalla di Fontanellato, in provincia di Parma. Il fatto è accaduto circa otto giorni fa ma solo ieri è stato reso noto. Ad intervenire nei luoghi a seguito di una segnalazione i Carabinieri del locale Comando Stazione.

I militari giunti alla stalla hanno trovato 35 animali morti tra gli 80 detenuti. L’intervento dei veterinari ASL di Parma ha evidenziato come gli animali erano morti verosimilmente a causa della mancanza di cibo e acqua. Infatti, non solo le analisi delle carcasse hanno escluso la presenza di malattie infettive, ma le stesse condizioni di salute degli animali ancora vivi avvalorano l’ipotesi della morte per denutrizione.

La vicenda, però, presenta altre complicazioni. Gli animali, a quanto pare, sarebbero stati custoditi da un uomo poi deceduto. L’ipotesi degli inquirenti è che  la gravosa gestione degli 80 animali da parte dei restanti membri della famiglia non sia riuscita. Sul caso, inoltre, si stanno accertando anche le responsabilità del proprietario degli animali.

I Carabinieri hanno disposto la rimozione degli animali deceduti e il sequestro e conseguente trasferimento in altra stalla di quelli ancora vivi.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati