pescato
GEAPRESS – Controlli, da parte della Capitaneria di Porto di Fiumicino (RM), sulla filiera della pesca.

Secondo quanto comunicato dalla stessa Capitaneria l’obiettivo principale era quello di intensificare l’attività ispettiva per prevenire e reprimere eventuali violazioni delle normative comunitarie e nazionali in materia di commercializzazione e somministrazione al consumatore.

Particolare attenzione, poi,  alla tracciabilità, alla freschezza, alle modalità di conservazione, nonché alla corrispondenza delle specie somministrate.

Nel corso degli accertamenti, i militari della Capitaneria di Porto di Roma Fiumicino hanno elevato sanzioni amministrative per un totale di 2500 euro e relativo sequestro di circa 1500 chilogrammi di pescato “congelato” che sarebbe risultato completamente privo delle informazioni obbligatorie in materia di rintracciabilità.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati