cuccioli est
GEAPRESS – Provenivano dalla Romania gli otto cuccioli di cane sequestrati nei giorni scorsi nell’aeroporto di Fiumicino e diretti in Tunisia. A rivelarlo è l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che aggiunge così un ulteriore particolare su un caso quantomeno insolito, ovvero la nuova tratta dell’annoso problema del traffico di cuccioli.

Si ricorderà come sia il Ministero della Salute che il Corpo forestale dello Stato, riferirono di due cittadine rumene bloccate in aeroporto con altrettanti trasportini ove erano stipati i cagnolini (vedi articolo GeaPress ). In quel caso venne riferito di un trasporto arrivato via terra. Non uno scalo in aeroporto, facile da ricollegare ad un volo di provenienza.

Ora la comunicazione dell’Ufficio delle Dogane. Gli otto cani, tra Carlini, Shih Tzu, Husky e Chow Chow, erano stati trasportati via terra dalla Romania in Italia. I due passeggeri, giunti all’Aeroporto di Fiumicino, stavano per imbarcarsi per la Tunisia.

I funzionari doganali hanno poi bloccato gli otto cani al controllo di sicurezza, poiché dall’ispezione dentale sarebbe emersa un’età inferiore alle 12 settimane. Limite, questo, che impedisce l’introduzione nel territorio italiano. Ad essere contestato è stato anche il reato di maltrattamento di animali.

I due passeggeri sono stati denunciati a piede libero alla Procura della Repubblica di Civitavecchia (RM).

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati