falco di palude
GEAPRESS – E’ finita con l’ala rotta nel bel mezzo di una discarica a Calvisio, sopra Finale Ligure (SV). Non solo in discarica ma pure in una zona impervia. La femmina di Falco di Palude è stata così soccorsa dai volontari della protezione animale di Savona i quali hanno verificato come purtroppo la ferita era ormai infetta.

Le brutte sorprese, però, non erano ancora  finite. Secondo il Veterinario specializzato che ha attualmente in cura il rapace, non ci sono molte speranze di vita.  Ignote, ancora, le cause che hanno portato alla rottura dell’ala.

Il Falco di Palude in Italia non ha una distribuzione omogenea. Non molte coppie, mentre decisamente più frequente è  nel periodo invernale (quanto arrivano i rapaci che nidificano in nord europa) e nel corso delle migrazioni, sai autunnale che primaveriale. La femmina ora recuperata a Calvisio, potrebbe pertanto essere la componente di una delle non molte coppie italiane, oppure, un soggetto sempre in migrazione ma diretto in un altro paese europeo.

L’ENPA di Savona sottolinea ancora una volta come il grado di protezione riservato alla specie è, per taluni aspetti, virtuale, Il soccorso della fauna selvatica spetterebbe alla provincia, ma in questo caso, come in molti altri, a proteggere il povero animale sono stati i volontari. Sono già ben 350 gli animali recuperati dai volontari dell’ENPA di Savona.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati