Il direttore dell’Istituto di Addis Abeba per la carne ed i prodotti lattiero-caseari, Gidey Gebremedhin, ha dichiarato che in base al ‘Piano quinquennale di crescita e trasformazione dei settori dell’allevamento e lattiero-caseario messo a punto dal governo’ si  prevede, che entro il 2014, l’esportazione arriverà   a  2,3 milioni di animali vivi e di 11mila  tonnellate metriche di carne. la previsione degli introiti salirebbe ad un miliardo di dollari.
Attualmente l’Etiopia detiene il 15% dei capi di bestiame di tutto il continente e nel mondo si piazza al nono posto.
In Etiopia si muore di fame per l’ingordigia  di pochi umani del nord del mondo, il mantenimento di oltre mezzo milione di animali di allevamento quanti umani del sud del mondo  affama?
Come si quantifica la sofferenza di quei reclusi/condannati a morte certa?
Non basta, il governo  vuole portate a  2milioni300mila  gli animali reclusi condannando  “alla fame” certa  tutta la popolazione etiope.
VEGAN E’ MEGLIO!