Un dipendente denuncia il proprio titolare per l’uccisione di un airone. Andrea Zanoni, eurodeputato IdV e Presidente della LAC del Veneto si complimenta per il coraggioso gesto dell’uomo che non ha esitato a sporgere denuncia ai Carabinieri della Stazione di Cison di Valmarino. L’uomo era stato da poco assunto in un allevamento ittico di Follina dove si è consumata la barbara uccisione dell’airone che il titolare dell’allevamento aveva sorpreso a mangiare il pesce.

A questo coraggioso ed esemplare lavoratore – ha dichiarato l’europarlamentare trevigiano – va il mio plauso, e quello dell’associazione che presiedo, per l’alto senso civico dimostrato e per aver anteposto l’amore per gli animali e la legalità alla concreta probabilità di venire licenziato”.

L’on. Zanoni desidera porgere anche un pubblico ringraziamento ai Carabinieri per le indagini condotte e per averlo tempestivamente informato rispetto al loro encomiabile impegno nell’applicazione delle leggi in difesa degli animali.

L’arma usata dall’imprenditore ittico, nonché altri due fucili che l’uomo deteneva, sono stati sequestrati dai Carabinieri di Cison di Valmarino intervenuti su segnalazione del coraggioso dipendente.

Ora non si può che auspicare  – ha aggiunto Zanoni – in una esemplare condanna dell’ex cacciatore di Follina per le violazioni penali commesse, nonché un rapido accertamento amministrativo su eventuali contributi pubblici ricevuti dall’allevatore ittico per l’istallazione di reti dissuasive per gli uccelli ittiofagi, a quanto sembra usate dall’indagato non per dissuadere gli aironi ma per facilitarne la barbara soppressione”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati