colombo
GEAPRESS – Secondo la Protezione Animali di Savona a Dego (SV) un cecchino si divertirebbe a sparare contro gli animali. L’arma, purtroppo molto utilizzate nel nostro paese, sarebbe un fucile ad aria compressa.

Ieri, i volontari della sede ENPA di Savona, hanno infatti recuperato nei pressi del locale cimitero, un colombo ferito ad un’ala. Il veterinario, intervenuto a seguito della chiamata  dei volontari, ha estratto il piccolo proiettile. Il piccione è ora in via di guarigione. L’ENPA, però, avanza il sospetto che altri animali siano stati vittime del “cecchino” e non è chiaro, a questo proposito, se altri impallinati siano andati a nascondersi nei boschi vicini per poi morirvi.

Quella con la quale è stato colpito il piccione è un’arma di solito non soggetta ad obbligo di denuncia – dichiara l’ENPA di Savona – con una gittata di poche decine di metri ma che potrebbe comunque fare danni gravi, se illecitamente usata ad esempio vicino a case e strade, anche alle persone“. L’obbligo di denuncia, secondo la legislazione vigente, scatta solo per armi ad aria compressa di energia superiore ai 7,5 Joule.

Le guardie zoofile dell’ENPA stanno svolgendo gli accertamenti necessari ad individuare il colpevole.  Chi avesse informazioni utili, anche anonime, può telefonare allo 019 824735 (da lunedì a sabato, dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19) o inviare una mail a savona@enpa.org

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati