beccaccia
GEAPRESS – E’ successo pochi giorni addietro a Palermo, nei pressi della centralissima via Notarbartolo. Le beccacce, però, sembrano avere qualche problema di orientamento anche a Savona. Nel capoluogo siciliano è stata trovata in terra ormai debilitata, mentre a Savona si è andata a “schiantare” contro le vetrate della scuola Calandrone.

Nel caso di Palermo la beccaccia, recuperata dai volontari della LIPU, è stata ricoverata presso il Centro di Recupero della Regione, gestito dalla stessa associazione. In Sicilia, infatti, le competenze sulla fauna selvatica non sono della province (come in altre parti d’Italia) ma degli uffici regionali. A Savona, invece, hanno dovuto far fronte i volontari dell’ENPA che, come in altre occasioni, non hanno lesinato critiche nei confronti dell’ente provinciale. Dovrebbero essere i suoi uffici a provvedere.

La povera beccaccia, a differenza di quella di Palermo ormai volata nei boschi, si era procurata un lungo squarcio sul petto e sono per questo occorsi una decina di punti chirurgici. Ora è ricoverata presso la sede ENPA ed appena guarita verrà liberata. In un’area protetta, sottolinea l’ENPA.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati