GEAPRESS – Stava andando a caccia di caprioli in zona vietata e di notte. Il tutto è avvenuto nelle campagne di Vallebormida piemontese.

Stante il comunicato dei Carabinieri del Comando Stazione di Cortemilia (CN) si tratterebbe di un medico di Savona  il quale, intorno alla mezzanotte di venerdì scorso è stato sorpreso dai militari dell’Arma all’interno di una  zona sottoposta a vincolo faunistico. L’uomo, alla guida di un SUV, era in possesso di un fucile da caccia regolarmente detenuto ma dotato di un sofisticato sistema di puntamento. Trovato anche un binocolo, un’ascia  ed una torcia. Quest’ultima era anch’essa applicata al fucile da caccia.

La perquisizione  è poi proseguita nel casolare nei pressi posseduto dal medico savonese. Qui sono state trovate  un centinaio di cartucce da caccia. In questo caso, però, si trattava di detenzione illegale. Non sarebbero, infatti, mai state denunciate.

L’uomo  è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Alba per i reati di porto abusivo di armi, violazioni inerenti la custodia delle armi, illecita detenzione di munizionamento e violazioni della protezione faunistica. Le armi e le munizioni sono state invece tutte sottoposte a sequestro penale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati