gatti enpa
GEAPRESS – Uno cieco, l’altro con un solo occhio, da otto mesi in gattile.

Questa la situazione di due gattini che, all’età di circa tre mesi sono arrivati a Monza, dopo che erano stati accuditi da un’associazione di Lipari, in provincia di Messina. Da allora sono stati adottati gatti anziani, gatti malati, gatti paurosi, ma nessuno, commenta amaramente l’ENPA di Monza, ha mai chiesto di loro.

Sono Pedro e Pablo, due tenerissimi fratelli tigrati, dolcissimi e giocherelloni. Perché allora nessuno li vuole? Perché, in seguito a un grave problema agli occhi, Pablo è rimasto completamente cieco, mentre Pedro ha perso irrimediabilmente l’occhio destro.

Nel loro caso, però, il termine “diversamente abili” non è mai stato così appropriato! Sì, perché per un micio essere privato della vista è un handicap molto relativo, poiché i gatti dispongono di una grandissima sensibilità, difficile per noi da immaginare. Per citare due soli esempi: le vibrisse, situate non solo sul muso ma anche sui fianchi e sulle zampe, permettono di raccogliere una gran quantità di informazioni, come percepire la presenza di piccole prede e i loro movimenti in modo da poterle catturare anche in condizioni di scarsa visibilità. Nelle foto, infatti, vedete Pablo giocare entusiasticamente con una lenza insieme al fratello che, pur non vedendola, la percepisce dal suono, dall’odore e dal movimento dell’aria!

Altro esempio è l’organo vomeronasale, sito all’interno della bocca, sul palato, che permette di “assaggiare” gli odori, specialmente i feromoni rilasciati da altri gatti. (Se avete mai osservato il vostro micio con la bocca semi-aperta, una strana smorfia e lo sguardo un po’ assente, significa che sta analizzando sostanze chimiche tramite questo organo.) Forse non è esagerato dire che si tratti di un vero e proprio “sesto senso”, a metà strada tra l’olfatto e il gusto! Se si aggiungono poi le eccezionali doti atletiche e la straordinaria flessibilità, si capisce perché è del tutto fuori luogo considerarli dei “poveri disabili” – basta vedere Pedro arrampicarsi sul maxi-tiragraffi per credere!

Naturalmente l’abitazione va messa in sicurezza, togliendo eventuali pericoli ed evitando di spostare mobili o altri oggetti che per Pablo saranno dei punti di riferimento utili per orientarsi in casa. Per il resto sono due gatti autonomi, grazie alle loro formidabili risorse feline ma anche alla giovane età. Dei due, Pablo (quello cieco) è il più coccolone e disinvolto, mentre Pedro inizialmente è più schivo, ma poi di apre. Vaccinati, testati FIV-FeLV negativi e sterilizzati a marzo, non devono seguire alcuna terapia se non la pulizia quotidiana degli occhi.

Per Pedro e Pablo cerchiamo un’adozione congiunta in un contesto tranquillo con persone sensibili, senza bambini piccoli. I due fratellini conosceranno gradualmente la loro nuova famiglia e il nuovo ambiente, e voi con pazienza e dolcezza costruirete con loro giorno dopo giorno, tramite il gioco, la comunicazione e tutte le normali attenzioni quotidiane, un rapporto di fiducia e di affetto gratificante per tutti.
PER INFO, rivolgersi al parco canile-gattile di Monza in Via San Damiano 21, aperto tutti i giorni dalle 14,30 alle 17,30 tranne mercoledì e il 15 agosto, o scrivere a gattile@enpamonza.it.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati