taglio bosco
GEAPRESS – Gli agenti del Corpo forestale dello Stato, hanno provveduto a denunciare un uomo che,  alcuni giorni addietro, sarebbe stato sopreso mentre era intento ad abbattere senza autorizzazione alberi in un bosco ceduo di leccio, risultato in seguito ad accertamenti, di proprietà dell’ARSSA (Agenzia regionale per sperimentazione e servizi in agricoltura). L’intervento dei forestali ha impedito l’abbattimento di altri alberi.

I fatti sono avvenuti nel territorio di Carfizzi (KR). Un taglio, riferisce il Corpo Forestale, in un bosco ceduo di leccio effettuato senza rilascio di matricine, cioè di alberi che dovevano rimanere in dote al bosco per assicurare la disseminazione naturale.

In tutto, ad essere stati abbattuti illecitamente sono 27 alberi, alti fino a sei metri, di diametro a petto d’uomo variabile da 16 a 30 cm. La superficie interessata è di circa 2500 metri quadrati.

Il presunto responsabile, è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Crotone per invasione di terreno, furto aggravato e deturpamento di bellezze naturali. Gli è stato elevato anche un verbale amministrativo per la violazione delle Prescrizioni di massima e polizia forestale (PMPF), le norme regionali che regolamentano il taglio dei boschi.

Per effetto della mancanza della copertura arborea l’area tagliata a raso rimarrà maggiormente esposta a fenomeni di dilavamento e ruscellamento con rischio di disordini idrogeologici. L’intervento dei forestali ha impedito che fossero apportati ulteriori danni al popolamento boschivo.

Il Comando provinciale Corpo forestale dello Stato invita i cittadini a segnalare senza indugio eventuali tagli ritenuti illegittimi al numero ad accesso gratuito 1515.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati