bosco tagliato
GEAPRESS – Sono stati intensificati in questi giorni i controlli mirati al controllo delle utilizzazioni boschive da parte del personale Comando Stazione Forestale di Cosenza nel territori perturbano di Cosenza e Rende.

A seguito di tali controlli è stata accertata un’utilizzazione in corso che aveva interessato un soprassuolo boschivo composto da piante di Roverella e Robinia. Dalle verifiche tra il taglio in corso ed i necessari titoli abilitativi tale lavorazione forestale sarebbe stata effettuata sulla base di false dichiarazioni agli uffici preposti al rilascio delle autorizzazioni.

Contrariamente al taglio di un bosco ceduo per come comunicato sarebbe stato in corso il taglio di un bosco di neoformazione.

Per tale motivo, effettuati i necessari accertamenti il responsabile del taglio ed il proprietario dell’area sono stati deferiti alla competente Autorità Giudiziaria della Procura della Repubblica di Cosenza con l’accusa di false dichiarazione in atto pubblico e violazione delle norme paesaggistico ambientali. È stata inoltre comminata una sanzione amministrativa di circa 4500 Euro.

Sempre in una località della provincia è stata verificata la realizzazione abusiva di una strada all’interno di un’area boscata per la quale sarebbe stato effettuato un movimento terra e lo sradicamento di numerose piante di Roverella e Robinia; controlli anche sulla realizzazione ex novo di 200 metri di strada per l’esbosco del materiale legnoso. Tale tracciato stradale sarebbe stato realizzato senza autorizzazione alcuna all’interno di un soprassuolo boschivo formato da un bosco di neoformazione di Roverella e Robinia. Contestat il reato di apertura di strada in violazione delle norme urbanistico edilizie e paesaggistico-ambientali oltre al sequestro sia della strada abusivamente realizzata che il legname provenienti dal taglio abusivo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati