cucciolo oipa
GEAPRESS – Lara e Lapo sono vivi, ma la loro salvezza, riporta l’OIPA di Cosenza, è dovuta solo all’intervento dei volontari.

I fatti si sono svolti nei pressi di un supermercato della provincia. Una cagna e cinque cuccioli, la cui presenza viene subito comunicata alle autorità competenti. La zona, però, sembra ricadere nel territorio di altro Comune e le cose iniziano subito a complicarsi.  In attesa dell’improbabile disbrigo burocratico, i volontari OIPA  intervengono prelevando i poveri animali.

Eppure, riporta l’OIPA, si tratta di randagi bisognosi di cure e per questo da attenzionare anche per motivazioni di sicurezza e igiene pubblica. I cuccioli, infatti,  sono stati ritrovati affetti da una malattia epidermica potenzialmente trasmissibile anche all’uomo. Anche la cagna, che purtroppo i volontari dell’OIPA non sono ancora riusciti a trovare,  è  malata.

La delegazione dell’OIPA di Cosenza ha intanto rivolto un appello alle amministrazioni del luogo al fine di fissare una riunione di urgenza sia per chiarire la vicenda, ma anche per gestire e risolvere problematiche simili in coordinazione con l’Asp di Cosenza. Tre cuccioli sono stati nel frattempo presi in carico da una associazione toscana mentre i restanti due, Lara e Lapo, sono accuditi dai volontari dell’OIPA di Cosenza. Bisognano di terapie specifiche oltre che la degenza presso un luogo attrezzato. Per questo i volontari rivolgono un appello per essere aiutati. Questa la mail messa disposizione per gli aiuti cosenza@oipa.org

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati