testudo hermannii
GEAPRESS – Stop al commercio illegale degli animali e delle piante in via d’estinzione su internet.

Tartarughe, serpenti, aracnidi ma anche vegetali. Il commercio elettronico di specie protette, riferisce il Corpo Forestale dello Stato, ha assunto negli ultimi anni una dimensione particolarmente significativa visto il proliferare di siti specializzati nelle vendite on-line. Per questo il Corpo Forestale dello Stato ha costituito presso il Servizio CITES Centrale un gruppo di lavoro per l’attuazione del monitoraggio e il controllo del commercio via web di animali e vegetali appartenenti a specie protette.

Scopo dell’attività svolta dalla Forestale in sinergia con Ebay Annunci e Subito.it è quello di tutelare da eventuali truffe via web gli inconsapevoli acquirenti o gli inserzionisti da truffatori e venditori illegali che, nell’anonimato, cercano di aggirare le regole della CITES. IL protocollo d’Intesa ha proprio lo scopo di fermare tali commerci illegali.

I dettagli dell’iniziativa verranno resi noti nel corso della conferenza stampa che si terrà martedì 18 Giugno alle ore 10.30 presso il Parlamentino delle Foreste, Via G. Carducci, 5 Roma.

Alla presentazione del primo codice di regolamentazione per il commercio su internet di animali e vegetali protetti parteciperanno: Cesare Patrone, Capo del Corpo forestale dello Stato, Gioia Manetti, General Manager eBay Annunci, Daniele Contini, Chief ExecutiveOfficer di Subito.it, Ciro Lungo, Responsabile del Servizio CITES Centrale del Corpo forestale dello Stato e Giovanni Coviello, funzionario del Servizio CITES. Durante l’incontro sarà presentato anche il rapporto relativo dell’attività operativa 2012 svolta dal Servizio Cites del Corpo forestale dello Stato nel contrasto ai traffici illegali di specie in via d’estinzione e i dettagli di un’importante operazione sul traffico di specie protette.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati