laccio
GEAPRESS – Intervento della Polizia Provinciale di Udine e del  Corpo Forestale Regionale – Stazione Forestale di Forni Avoltri, in un’area naturale del comune di Comeglians.

Dopo appostamenti, monitoraggi e sopralluoghi,  si è colto in flagranza di reato un bracconiere nell’atto di impossessarsi  del corpo di un capriolo  maschio. Il povero animale era stato catturato con un laccio.

I controlli sono poi proseguiti nel corso della perquisizione domiciliare. Sono stati così rinvenuti  strumenti utili alla realizzazione di lacci mentre, nei pressi dell’abitazione, vi erano cinque lacci metallici pronti per essere utilizzati oltre che una  trappola a scatto per la cattura di fauna selvatica. Quest’ultimo materiale è stato posto  sotto sequestro amministrativo.

Sempre nel corso della perquisizione è stata trovata una carabina ad aria compressa, posta anch’essa sotto sequestro al fine di verificarne la  regolarità.

L’uomo è stato denunciato per violazione delle norme che regolano l’attività venatoria: esercizio la caccia in periodo di  divieto generale e per aver catturato il capriolo con mezzi vietati.

L’operazione di Comeglians, informa la Polizia Provinciale, è l’ultima di una serie di attività intraprese congiuntamente  alla Forestale Regionale che hanno portato a importanti  risultati nell’attività di prevenzione e repressione degli illeciti, soprattutto in materia  venatoria.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati