wwf
GEAPRESS – L’annuncio di nuovi target di riduzione delle emissioni da parte dei due più grandi emettitori mondiali – Cina e Stati Uniti – lancia un segnale politico importante e potente. Così commenta il WWF l’annuncio dell’importante intesa che consentirà di intraprendere un’azione globale sul cambiamento climatico ed un accordo globale ONU sul clima nel  2015.

Tutti i Governi – ha dichiarato Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia – devono ora accelerare il ritmo e la portata dei loro impegni per i negoziati sul clima delle Nazioni Unite. E dovrebbero iniziare nel corso della riunione del G20 di questo fine settimana, annunciando di voler porre fine ai sussidi ai combustibili fossili (impegno già preso a Pittsburgh nel 2009): 88 miliardi di dollari che ogni anno vanno ad alimentare la maggiore fonte di anidride carbonica e, quindi, il cambiamento climatico“.

Siamo alla vigilia della COP 20 di Lima – ha aggiunto l’esponente del WWF – poi c’è un anno di negoziati sino al traguardo di Parigi, alla fine del 2015. Il fatto che Cina e USA abbiano messo sul piatto un primo impegno è un ottimo inizio, vuol dire che non si arriverà all’ultimo momento con le carte tutte coperte, come avvenne a Copenaghen, provocando poi il sostanziale fallimento del tentativo di concludere un accordo globale significativo. In termini di numeri, lo prendiamo come un primo impegno, la scienza del clima e l’equità richiedono più azione”.

Il WWF invita adesso gli altri leader, a partire da quelli delle maggiori economie, ad annunciare ora i loro impegni di riduzione delle emissioni e di aiuti finanziari entro l’inizio del prossimo anno.

La partita è appena cominciata –conclude Midulla – Stati Uniti e Cina, ma anche gli altri Paesi devono puntare sui target più alti possibili per riuscire a raggiungere l’obiettivo di rimanere ben al di sotto dei 2°C di aumento medio della temperatura globale, rispetto all’era preindustriale, ed evitare il cambiamento climatico disastroso. In questo senso, anche l’Unione Europea deve compiere uno sforzo maggiore per guadagnare in autorevolezza e favorire l’accordo globale. Del resto, anche sul piano economico, l’azione decisa da subito paga ed evita perdite enormi in futuro”.

Per quel che riguarda gli USA, il WWF sottolinea che l’impegno avanzato in passato di ridurre le emissioni del 30 per cento entro il 2025 dovrebbe essere il riferimento per l’accordo finale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati