pelobate
GEAPRESS – Il Pelobate fosco ha deposto le uova. E’ avvenuto nella Riserva Naturale Integrale di Bosco Nordio e si tratta, informa Veneto Agricoltura, di una delle specie di anfibi italiane più rare e minacciate di estinzione.

Proprio quest’anno scadeva un importante appuntamento: i primi animali rilasciati in libertà a Bosco Nordio, quindi sottoposti anche ai predatori e comunque liberi di allontanarsi dall’area, avrebbero raggiunto anche loro la maturità sessuale, e si attendevano quindi le prime deposizioni di uova in natura.

A fine Marzo la felice conferma: i ricercatori impegnati nel monitoraggio dei pelobati nell’ambito del progetto LIFE “Natura 2000 in the Po Delta”, hanno rinvenuto due ovature in uno degli stagni di nuova realizzazione.

Il risultato, per Veneto Agricoltura, è senz’altro importante. Per la prima volta, infatti, la popolazione di Pelobate fosco che si sta creando a Bosco Nordio, dà prova della sua vitalità, diventando così un significativo tassello del mosaico che compone l’elevata biodiversità di quest’area litoranea alto adriatica.

Nel 2007 è stata approntata una zona recintata e protetta, nella quale fu creato un primo nucleo di animali che quattro anni dopo, nel 2011, hanno iniziato a riprodursi. Questa popolazione allevata in condizioni controllate ha rappresentato una ”testa di ponte” per la reintroduzione della specie nel Bosco Nordio: da quell’anno infatti i girini nati nel recinto sono stati rilasciati nel restante territorio della Riserva dove nel frattempo, grazie a progetti finanziati dalla Comunità Europea, erano state realizzate altre aree umide idonee ad ospitare la specie.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati