ricci di mare II
GEAPRESS – Alle prime luci dell’alba di oggi, nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro” 2015, il personale del Nucleo Operativo Difesa Mare con il supporto delle unità navali del Corpo delle Capitanerie di Porto, ha elevato un verbale amministrativo per l’importo di 4.000 euro nei confronti di un sub.

L’accusa è quella di avere pescato ricci di mare oltre il limite consentito (cinquanta unità). L’intero pescato e l’autorespiratore ad aria impiegato per commettere l’illecito, sono stati posti sotto sequestro.

Gli oltre 150 ricci di mare, a seguito dei controlli effettuati a cura del Sevizio Veterinario competente per territorio, sono stati dichiarati non commestibili.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati