triglie
GEAPRESS – Intervento degli uomini del Nucleo Operativo Difesa Mare della Guardia Costiera di Catania che, nelle primissime ore del mattino di oggi, hanno eseguito accertamenti sulla filiera della pesca. In tale contesto sono stati sottoposti a verifica i punti vendita presso la nuova struttura del MAAS (Mercato Agro-Alimentare Siciliano). Numerosi anche i pattugliamenti in mare.

L’ obiettivo, spiega la Capitaneria di Porto, era quello di accertare la regolarità delle attività in materia di rispetto delle norme in materia di protezione delle specie ittica e sulla detenzione del pescato sotto misura o allo stato giovanile.

Durante le attività di controllo a terra, seppur constatando un buon livello di regolarità nelle procedure amministrative legate alla commercializzazione del prodotto ittico, è stato elevato un verbale amministrativo per un importo pari a 1.500 euro. Una persone è stata inoltre deferita alla competente Autorità Giudiziaria; si tratta del conducente di un furgone isotermico ora accusato della detenzione di sei cassette contenenti circa 40 chilogrammi di novellame di triglia. Tutto il pescato è stato posto sotto sequestro.

Nell’ambito dei controlli ad una imbarcazione da diporto, si è inoltre effettuato il sequestro e il relativo verbale amministrativo, constatando la presenza di un attrezzo da pesca professionale (rete da posta).
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati