OLYMPUS DIGITAL CAMERA
GEAPRESS – Intervento delle  Guardie Zoofile/Ambientali della LAC Toscana, a seguito di segnalazione pervenuta nella giornata di ieri. Una gabbia trappola, questo all’oggetto della segnalazione, nei pressi della Diaccia Botrona, a Castiglione della Pescaia (GR). Sembra che l’arnese fosse stato posizionato per la cattura della gazze proprio innanzi al giardino di una villa.

Le Guardie della LAC (lega Abolizione Caccia) accertata l’effettiva presenza della gabbia, abilmente occultata con delle frasche, chiedevano così l’intervento della Polizia Provinciale.

All’interno dell’arnese risultavano trappolate due gazze le quali, prelevate dagli operatori intervenuti, venivano poste in libertà. Sotto sequestro, invece, la gabbia trappola.

Ad avviso della LAC, quanto avvenuto rappresenta un episodio molto grave. L’area oggetto dell’intervento era infatti  al confine con la Riserva Naturale della Diaccia Botrona oltre che in periodo primaverile quando la fauna selvatica è in pieno periodo di riproduzione. Queste illegittime catture, commenta sempre la LAC, arrecano un danno enorme agli animali,  sia per i soggetti adulti che vengono catturati e uccisi, sia per i piccoli nidiacei che moriranno di fame in attesa dei genitori che mai torneranno dai loro piccoli (L’art. 1 della direttiva Europea n. 2009/147/CE vieta anche solo il disturbo all’avifauna durante il periodo di riproduzione).

La LAC presenterà una denuncia alla Procura della Repubblica di Grosseto e si costituirà parte civile contro il responsabile, anche per il reato di Maltrattamento di animali, considerando che le gazze catturate si trovavano in una gabbia trappola di piccole dimensioni che  impedivano il regolare movimento e l’apertura alare. Una di queste era anche senza acqua.

La denuncia per il presunto bracconiere è quella di caccia in periodo di divieto generale e uso di mezzi vietati.

Chiunque voglia segnalare atti di bracconaggio o maltrattamenti di animali può contattare la sede Nazionale della vigilanza LAC al numero 0566/88080 oppure al numero 3392859066.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati