carne di balena
GEAPRESS – Potrebbe essere il riscaldamento globale il complice delle spedizioni di carne di balena dall’Islanda fino al lontano Giappone. Lo ha riferito il Capitano Paul Watson, leader d di Sea Shepherd, in un intervista al giornale on line VICE News.

Le navi che vengono impiegate in queste spedizioni dovrebbero in realtà eseguire in periplo del pianeta sfruttando latitudini meno convenienti dal punto di vista economico. Ed invece sembra che il riscaldamento del nostro pianeta ha aperto una nuova via ai commercianti di carne di balena. Sea Shepherd, infatti, ha seguito una di queste spedizioni fino alla prima tappa norvegese. Qui la nave è stata  ben protetta in un porto fino alla ripresa della navigazione verso l’oriente.

Il viaggio, però, sarebbe stato reso ancora più agevolato dal minore tempo di permanenza dei ghiacci in mare, oltre che dai permessi  concessi dai russi. Permessi che sarebbero stati invece negati alle imbarcazioni di Sea Shepherd.

Dunque, tra i tanti danni dei gas serra, vi è anche quello di agevolare i commercianti di carne di balena.

Una polemica lunga quella contro i balenieri islandesi (l’Islanda non fa parte della UE) che, secondo le denunce degli ambientalisti, sarebbero ben inserite nel settore della pesca di quel paese. L’Islanda, come è noto, è uno dei maggiori esportatori mondiali di pesce verso l’Europa.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati