partito protezione animali
GEAPRESS . Sorprese ma anche critiche da parte del Partito Protezione Animali, per la notizia circolata sulla prossima apertura di un allevamento di visoni a Capriolo, in provincia di Brescia.

La critiche del movimento politico vanno al di là degli aspetti etici, puntando su quelle che vengono viste come lacune della legislazione. Sui visoni, riferisce il PPA, non vi è alcun sistema identificativo. Cosa che non si spiega, considerato che sistemi anagrafici sono previsti per numerose specie di animali allevati. Anagrafe o comuni sistemi identificativi, come gli anelli per gli uccellini allevati.

Una lacuna che andrebbe valutata, sempre ad avviso del PPA, anche in funzione di altri eventuali aspetti quali quelli fiscali.  “Forse – si chiede il PPA – perchè i visoni valgono meno di altri animali?“.

Scontate, poi, le critiche per i metodi di allevamento e la fine alla quale vanno comunque incontro gli animali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati