sequestro cuccioli
GEAPRESS – Importante intervento del Corpo Forestale dello Stato a Cantù (CO) dove gli investigatori del NIPAF (Nucleo Investigativo Provinciale di Polizia Ambientale e Forestale) di Brescia hanno individuato all’interno di un veicolo condotto da cittadini ungheresi sei cuccioli di cani. I piccoli animali sono tutti appartenenti a razze da compagnia: bulldog francesi, akita inu e chihuahua.

Stante le prime risultanze investigative gli animali sarebbero stati trovati sprovvisti di microchip oltre che della necessaria documentazione sanitaria e del passaporto.

L’intervento ha fatto seguito a lunghi mesi di indagini condotte nel campo dei traffici illeciti di animali d’affezione.

A quanto pare, stante quanto comunicato dalla Forestale, due persone stavano conducendo la vendita dei cuccioli direttamente all’interno di un esercizio commerciale. Per la Forestale i cani erano però entrati illecitamente in Italia. L’ipotesi investigativa induce a pensare che nel caso di vendita irregolare, sarebbero poi stati venduti come cani nati Italia, ad un prezzo, riferisce sempre la Forestale, maggiorato. Sempre secondo gli investigatori il traffico illecito di animali d’affezione alimenta ancora un giro di affari di considerevole entità.

Tutti i cuccioli sono stati sottoposti a sequestro penale e già affidati in custodia giudiziaria a chi provvederà ora al loro mantenimento.  Le indagini del Corpo Forestale sono partite da segnalazioni provenienti dalla provincia di Brescia.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati